Creare blog e siti web gratis con wordpress

Creare blog e siti web gratis con WordPress, perché farlo

Se avete deciso di creare un blog o un sito web gratis con WordPress, probabilmente avete fatto la scelta giusta. Non è certo l’unica risorsa gratuita disponibile in rete ma è la preferita dalla maggior parte delle persone. Pare che la gente ami parecchio creare blog e siti web gratis con WordPress, infatti è diventata la piattaforma prediletta sia da appassionati che da professionisti. WordPress in breve tempo è diventato lo strumento più usato per la realizzazione di blog e siti web gratis e quando una scelta è così condivisa ci sono sempre buoni motivi, il primo, la sua semplicità d’uso.

creare blog e siti web gratis con wordpress

Il CMS più utilizzato al mondo

Come in tutte le cose c’è chi è favorevole e chi contrario all’uso dei CMS per creare siti web, personalmente spesso preferisco affidarmi a loro piuttosto che scrivere codice per poi accorgermi che le stesse cose le aveva già fatte qualcun’altro, magari anche meglio. Ribadisco, la realizzazione di un sito web è un lavoro impegnativo, quindi usare strumenti avanzati come i CMS, spesso risulta di grande aiuto.

Tralasciando queste considerazioni personali, vediamo come potete creare il vostro sito web gratuitamente con WordPress e cosa dovete fare per iniziare. Innanzitutto considerate che non esiste un solo modo di usare WordPress per creare il vostro sito, a dire il vero non avreste nemmeno bisogno di installarlo sul vostro pc o nel vostro spazio web, vi spiego il perché.

Quanti modi esistono per creare blog e siti web gratis con WordPress?

I modi per utilizzare WordPress e creare un blog o un sito web in maniera gratuita, sono almeno quattro.

  1. Registrandosi al portale wordpress.com
  2. oppure ad un altro portale che offre sia lo spazio gratis che wordpress preinstallato (altervista)
  3. acquistando un dominio e uno spazio hosting su un portale a vostro piacimento e installando la versione WordPress già presente nel pannello del provider
  4. scaricando dal sito wordpress.org il pacchetto completo in italiano (lo sono sia il sito che il pacchetto) e quindi installandolo sul vostro pc per poi realizzare il sito ed infine riversarlo sul web via FTP in uno spazio acquistato in precedenza.

Riguardo le opzioni 3) e 4) ho già parlato in un questo articolo, oggi vi dirò invece come creare il vostro sito o blog gratis con WordPress, usando il sistema del punto 1). In un successivo articolo, per non confondere le idee e tenere le cose separate (ci sono parecchie cose diverse), parlerò di come potete creare blog e siti web gratis con WordPress registrandovi al portale Altervista.

PUNTO 1) – Realizzazione di un sito web gratis registrandosi al portale wordpress.com

creare blog e siti web gratis con wordpress

Il sito di wordpress.com

In primo luogo andate sul sito wordpress.com, qui troverete informazioni con le quali vi verranno spiegate un po’ di cose riguardo il funzionamento.

Avete a disposizione 3 Gb di spazio web gratuito e condiviso (e anche molto condiviso direi…) oltre naturalmente alla piattaforma WordPress stessa già installata.

Questo scelta è ideale per chi non ha particolari necessità e vuole realizzare un sito web personale e senza troppe pretese.

Dopo esservi registrati vi troverete all’interno della vostra dashboard. Visualizzerete a sinistra un menù verticale largo un quarto circa rispetto la finestra, a destra invece avete la zona “operativa”, ovvero dove lavorerete o dove visualizzerete informazioni utili.

creare blog e siti web gratis con wordpress

Menù opzioni (a sinistra) e dashboard (a destra) (img. 1/2)

Concentriamoci sul menù di sinistra per ora, nell’immagine che segue trovate le altre opzioni disponibili.

creare blog e siti web gratis con wordpress

Menù opzioni (a sinistra) e dashboard (a destra) (img. 2/2)

Il menù delle opzioni di wordpress

Usando le voci di menù imposterete il vostro sito. Quelle fondamentali che vi permettono di inserire i contenuti più importanti sono:

  • Articoli del blog
  • Pagine
  • Media
  • Temi
    (visualizzate nelle figure 1 e 2)
  • Persone
  • Impostazioni
  • AmministratoreWP
    (che trovate nella seconda figura)

Come avrete notato nonostante abbiano di fianco un pulsante “aggiungi”, non ho citato le voci Plugin e Domini. Questo perché a meno che non abbiate intenzione di acquistare un piano su WordPress.com, non vi servono a nulla. Infatti i plugin non sono inseribili per piani gratuiti, free, come quello nel quale siamo ora e del quale ci stiamo occupando, e lo stesso vale per l’opzione ‘Domini’.

Cosa si può fare con le opzioni succitate, voce per voce:

  1. Articoli del blog: vi permette di creare o modificare gli articoli del vostro sito
  2. Pagine: fa esattamente la stessa cosa, ma per le pagine (conoscete la differenza tra articoli e pagine?)
  3. Media: potete inserire immagini e video da usare nel sito. Ognuno di questi file ha caratteristiche proprie che potete (e dovete) inserire per migliorare le loro caratteristiche SEO.
  4. Temi: da qui scegliete quale tipo di grafica utilizzare per il sito o blog che volete creare. Anch’essi in grande quantità, determineranno come verranno visualizzate le informazioni nel vostro sito. Una nota: oltre a scegliere il tema da abbinare, qui potete scegliere le vostre impostazioni preferite che il tema vi offre.
  5. Impostazioni: riguarda alcune impostazioni elementari del sito quali ad esempio il nome e il motto, la lingua, il fuso orario ed altre cose di contorno.
  6. Amministratore WP: cliccando su questa voce di menù visualizzerete una bacheca diversa, simile a quella che avreste usando WordPress nel vostro spazio hosting o con wordpress installato sul vostro pc.

Nello specifico, ecco il funzionamento delle opzioni.

  • Articoli del blog
    • è intuitivo: potete creare il vostro articolo utilizzando l’editor interno, se esistono già degli articoli invece, potete modificarne uno a vostra scelta.
  • Pagine
    • come dicevo prima, conoscete la differenza tra articoli e pagine? Ecco, in questo caso non ne noterete alcuna: cliccando sul pulsante avrete a disposizione un editor esattamente uguale a quello proposto per creare gli articoli; la differenza è che quelle create qui potete usarle come pagine statiche all’interno del vostro sito-blog.
  • Media
    • Con i limiti imposti dallo spazio a disposizione e altri riguardanti le dimensioni dei file, qui potete inserire-caricare le immagini da usare  nel vostro sito (ricordatevi quanto è importante l’uso delle immagini). Se passate ad una delle versioni a pagamento vi sarà permesso di caricare anche video e audio.
  • Temi
    • Qui vi si apre un mondo infinito. Anche essendo un profilo gratuito, il portale vi da la possibilità di scegliere fra parecchi temi diversi: ben 375 al momento della scrittura di questo articolo, dei quali 157 completamenti free.
  • Persone
    • Cliccando su ‘Aggiungi’ avrai la possibilità di far entrare nel tuo Team, 10 nuove persone per volta. Ad ognuno di loro puoi assegnare un ruolo e quindi i permessi all’interno del tuo sito. Puoi effettuare registrazioni come visitatori se non sei interessato a nuovi collaboratori.
  • Impostazioni
    • Non c’è molto da aggiungere rispetto a quanto detto prima. Da qui potete decidere il livello di privacy del sito (se lo state creando e non volete ancora pubblicarlo potete renderlo privato). Oppure potete decidere di esportarlo in un file per conservare il lavoro, o viceversa importare un file di questo tipo per ricreare il vostro sito. Sempre da qui potete decidere di cancellare completamente il vostro sito-blog.
  • Amministratore WP
    • Visualizzerete qualcosa di molto simile a quello che avreste usando il pacchetto installato sul vostro pc o utilizzando quello fornito dai provider (vedi immagine sotto). Non è ancora chiaro il motivo di questa doppio modo di visualizzare la bacheca, probabilmente l’azienda vuole mostrare l’interfaccia reale del proprio prodotto.
Creare-blog-e-siti-web-gratis-con-wordpress

La dashboard visualizzata usando l’opzione “Amministratore WP”

Riepilogando

Quelli elencati sopra sono gli ‘strumenti’ principali che offre WordPress con piano free sul portale wordpress.com. Se avete fatto qualche tentativo e vi siete registrati, vi siete accorti di quali limiti abbia ma, se questo è quello che cercate e può bastarvi, bene. Se invece  avete la necessità di gestire meglio e più a fondo la vostra presenza web, desiderate provare a mettere mano anche a qualche pezzo di codice o volete aggiungere dei plugin, sapete che qua non potete.

Spesso il tutto gratis invoglia a fare questa scelta, purtroppo appena si ha un po’ di confidenza con l’ambiente si vorrebbe fare di più ma non è possibile. Ci sarebbero quindi i piani a pagamento offerti dallo stesso wordpress.com, in realtà nemmeno questi permettono un uso completo del CMS.

Considerazioni sull’uso di wordpress.com per creare blog o siti web gratis

L’ho detto all’inizio dell’articolo e l’avrete capito dalle mie ultime parole: la scelta di creare blog e siti web gratis con wordpress usando il portale gratuito wordpress.com è indicata solo nei casi in cui non si ha ancora molta esperienza con i CMS e in particolare con WordPress. A mio modo di vedere l’utilità principale di questo spazio per creare blog e siti web gratuiti, è capire come funziona WordPress e allenarsi un po’, infatti è impensabile creare un sito aziendale, professionale o di altro tipo in questo modo.

In primo luogo non potete usufruire dei potentissimi e numerosi plugin gratuiti che normalmente usano tutti. Secondariamente l‘ottimizzazione SEO è impensabile: non c’è nessun modo per creare una descrizione del vostro articolo/pagina e questo è estremamente limitativo. A tal proposito se non vi è ancora capitato, leggete gli articoli che ho scritto e inserito nella categoria SEO E dintorni.

Infine avrete un dominio di terzo livello ( 😯 ) del tipo miosito.wordpress.com. Questa è la cosa peggiore che possiate fare se volete creare un sito a supporto di un’attività, anche nel caso di micro imprese o lavoratori autonomi, liberi professionisti o piccoli negozi. Il perché è presto detto (forse mi ripeto): Google non posiziona ne indicizza i siti di terzo livello, e vista l’importanza di questo motore di ricerca per farci conoscere, la conclusione vien da se.